Succede tipicamente quando si acquista un disco esterno, pur di grandi dimensioni, di trovarlo formattato in origine dal produttore in FAT32 e non in NTFS.
Da questa differente formattazione dipende soprattutto la possibilità di scrivere files più grandi di 4gb.

Se il disco è nuovo la via più logica è quello di rifare la formattazione selezionando NTFS come file system, mentre la possibilità di poter convertire il disco senza perdere i dati è importante soprattutto se viene eseguita dopo diverso tempo avendo quindi molti documenti presenti.

Per procedere alla conversione (in ambiene Windows Xp/Vista/7) bastano pochi e semplici passaggi:
– aprire una finestra di comando, dal menu start > esegui, digitare “cmd”
– verificare la struttura del disco con il comando “chkdsk /F x:” (sostituire x: con la lettera corrispondente al disco da convertire)
– al termine della verifica si può procedere con la reale conversione digitando il comando “convert x: /fs:NTFS” (sostituire x: con la lettera corrispondente al disco da convertire)

Pur lavorando su un disco abbastanza grande, ad esempio 1 Tb, la conversione non impiegherà più di 2 o 3 minuti.