Articolo di Francesco Rinaldi
https://plus.google.com/104771760486298455643

Andrà ad incrementare la platea di quanti hanno provato, senza riuscirci, ad insidiare la leadership di Whatsapp, o rappresenterà il primo vero pericolo per la creatura di Brian Acton e Jan Koum?

Questa è la domanda che tutti si pongono riguardo a BlackBerry Messanger: domanda più che lecita considerando gli oltre 10 milioni di download ad appena 24 ore dal suo rilascio, avvenuto il 22 ottobre.

Ma cos’è BlackBerry Messanger? E’ un client di messaggistica istantanea, per ora utilizzabile soltanto su smartphone, nelle due varianti per iOS e Android: una particolarità che lo rende concorrente diretto dei tanti client di messaggistica istantanea per smartphone, tra cui, appunto, Whatsapp, leader di questa tipologia di applicazioni. L’esordio di BlackBerry Messanger, nuova app tra quelle offerte per iOS e Android, è stato quindi un successo e per l’azienda canadese, in crisi da ormai molto tempo, questa è sicuramente una boccata d’ossigeno. E’ però ovvio che soltanto nelle prossime settimane, nelle quali si potrà capire la qualità del prodotto offerto da BlackBerry, tenendo conto di tutte le offerte per smartphone, sarà possibile tirare le somme e capire se questo buon risultato è la classica “vittoria di Pirro”. Nell’attesa, vediamo insieme alcune caratteristiche di quello che, per ora, è in ogni caso un successo dell’azienda canadese.

BBM ha caratteristiche che lo accomunano a Whatsapp. Ad esempio, le modalità d’installazione e di creazione della rubrica, sono molto simili a quelle del client di messaggistica per smartphone più utilizzato in Europa. Altra caratteristica che accomuna BBM a Whatsapp è quella di rimanere sempre attivo: sarà quindi possibile ricevere un messaggio senza aver prima effettuato l’accesso a BlackBerry Messanger, essendo sufficiente il trovarsi in una zona coperta da connessione internet.

Vi sono, ovviamente, altre funzionalità, come ad esempio la possibilità di inviare e ricevere documenti, immagini, messaggi vocali. BBM ci consente anche di sapere il momento in cui un messaggio che abbiamo inviato è stato recapitato o visualizzato. Viene data anche la possibilità di creare chat di gruppo dove potremmo sbizzarrirci nell’uso di tantissime emoticon. Tutto questo è supportato da una grafica che risulta essere uno dei punti di forza dell’app creata da Blackberry.

Come detto, per capire se quello di BlackBerry è un successo effimero o meno, bisognerà però attendere: quel che è certo è che le prime impressioni, tra gli utenti che lo hanno scaricato ed iniziato ad utilizzare, sembrano essere davvero positive. Per ora, se si deve trovare un difetto a questa creatura dell’azienda canadese, probabilmente è rinvenibile nel fatto che siamo di fronte ad un prodotto davvero troppo simile a Whatsapp, il quale può contare su uno zoccolo duro molto ampio di utenti, cresciuto anche grazie al fenomeno del passaparola.

Ad ogni modo, a conti fatti, l’esordio non poteva essere migliore, ma se pensiamo che molti utenti hanno lamentato la lentezza nell’approvazione dell’account da parte di BlackBerry, approvazione necessaria per cominciare ad utilizzare l’applicazione una volta effettuato il download, e che secondo alcuni ci sarebbe già il primo bug, il quale avrebbe permesso a molti di iniziare ad utilizzare BBM pur in assenza dell’approvazione di cui sopra, si capisce come, probabilmente, per l’azienda canadese, il difficile venga ora.

bbmapp 1bbmapp 2